DTA

Digital Theses Archive

 

Tesi etd-08162019-170345

Type of thesis
Master univ. II liv.
Author
SCAPPATICCI, MASSIMILIANO
URN
etd-08162019-170345
Title
Il TRATTAMENTO DELL’ANGINA REFRATTARIA TRAMITE IMPIANTO DI DISPOSITIVO REDUCER NEL SENO CORONARICO
Structure
Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell'Informazione e della Percezione
Course
Trattamento percutaneo della malattia coronarica
Committee
relatore PASSINO, CLAUDIO
Membro BERTI, SERGIO
Membro SANTORO, GENNARO
Keywords
  • angina refrattaria
  • cardiopatia ischemica cronica
  • Reducer
Exam session start date
18/09/2019;
Availability
completa
Abstract
Nonostante le terapie farmacologiche e interventistiche disponibili, l&#39;angina refrattaria rimane una condizione clinica comune e fortemente invalidante nonchè un rilevante problema di salute pubblica che influisce sulla qualità della vita dei pazienti e ha un impatto significativo sulle risorse dell&#39;assistenza sanitaria. <br>L&#39;angina persistente è comune non solo nei pazienti che non sono candidabili alla rivascolarizzazione ma anche in molti pazienti sottoposti con successo rivascolarizzazione miocardica.<br>E’ chiaro quindi che vi sia la necessità di ulteriori opzioni di trattamento per l&#39;angina refrattaria oltre le opzioni farmacologiche e interventistiche attualmente disponibili.<br>Di fondamentale importanza, in questa condizione, è praticare un approccio che tenga conto dello stato di salute globale del paziente, valutando il successo di una nuova terapia in base ai suoi effetti sui sintomi, sullo stato funzionale e sulla qualità della vita dei pazienti, piuttosto che sugli endpoint solitamente considerati nei trials clinici. <br>Il device Reducer è una nuova tecnologia progettata per ridurre i sintomi invalidanti e migliorare la qualità della vita di pazienti affetti da angina refrattaria. L’obiettivo di questo lavoro consiste nel presentare il device, il suo razionale fisiopatologico, la sua procedura di impianto e le principali evidenze presenti in letteratura alle quali si va ad aggiunge l’esperienza sviluppata nel nostro centro come base iniziale per possibili ulteriori filoni di ricerca per questa metodica. <br>
Files